default-logo

Passione Retrogame : Tokyo Bus Guide

da MilanoSega Dreamcast è stata una console abbondantemente snobbata dal mondo, dopo che l’ombra di PS2 arrivò sul mercato, e forse anche prima. Resta comunque una delle mie console preferite, e non solo per i suoi classici giochi, ma anche per delle perle nasconte, rimaste solo nel territorio Giapponese. Oggi vi parlo di un vero e arduo simulatore di autobus Tokyo Bus Guide. Nel gioco andremo a guidare un bus per dei reali quartieri di Tokyo e non solo. Il tutto, per l’epoca ovviamente, fu ricreato maniacalmente, sia i quartieri e anche il flusso di traffico. Ma andiamo a scoprire meglio il gioco. Partiamo subito nel dire che è un’esclusiva Giapponese. Quindi per farlo funzionare abbiamo utilizzato un Dreamcast Jap, con un riduttore di corrente. Appena avviamo il gioco, possiamo scegliere tra 3 locazioni, se riusciamo a fare abbastanza punti sbloccheremo anche le successive. Saranno sempre le stesse ma con orari totalmente differenti.

 

 

 

Seppur sembri una cosa banale, gli orari determinano la quantità di traffico presente, e credetemi è veramente una cosa non da poco. La mattina è la parte più difficile, il traffico è molto elevato e la possibilità di commettere degli errori è realmente dietro l’angolo. Il tardo pomeriggio, potremmo definirlo come un livello di difficoltà normale, una guida più calma con il 40% di traffico in meno. La sera è la più semplice, ma nello stesso tempo la più magica. Poche persone sul bus, poco traffico con le luci della città che illuminano il nostro viaggio. Appena avviamo il bus occorre : premere il tasto per chiudere le porte, mettere la freccia, assicurarci che non passi nessuno e poi accelerare gradualmente senza dare dei bruschi colpi, e si parte. Ogni volta che vi avvicinerete ad una fermata, dovrete premere il tasto per annunciarla, mentre quando vedrete le persone in piedi naturalmente la prossima dovrete fermarvi. Il gioco è più severo di un reale istruttore di guida. Basta realmente poco per avere il Game Over. Se fate un’incidente, oppure andate a sbattere il gioco finisce e si riparte da capo. I livelli sono lunghi, e con tutta questa tensione alle spalle, appena vedrete il capolinea, gioirete! In Giappone, era presente un cabinato con tanto di postazione da autobus e volante gigante. Tokyo Bus Guide avrà un seguito su PS2 e anch’esso rimarrà esclusiva Giapponese. Nel caso foste interessati all’acquisto, questo gioco su ebay per Dreamcast Jap lo trovate ad un prezzo che si aggiri : attorno ai 15€. Vi lasciamo alla nostra video recensione!

 

About the Author

Related Posts