default-logo

The Forest : la recensione

Posted On 01 Ott 2020
Comment: Off

da Milano – Il personaggio della nostra avventura si chiama Eric è una nota star televisiva, purtroppo all’apice della sua popolarità, riceve una terribile notizia sua moglie è deceduta. La vita per Eric e suo figlio Timmy è molto dura, i due devono farsi forza e andare avanti. Siamo a bordo di un’aereo, Timmy sta dormendo.. durante il volo improvvisamente una violenta tempesta si scatena, seguita da un forte rumore e poi buio totale. Il nostro aereo è precipitato, ma Eric prima di svenire nuovamente ha visto che suo figlio era vivo ed è stato rapito da un strano personaggio, poi le forze ci abbandonano ancora. Il nostro personaggio non ha forze, ma al suo risveglio le cose vanno ancora peggio. Oltre alla presa di coscienza che suo figlio è stato rapito e non sà dove possa essere, attorno a lui c’è la  hostess che giace a terra priva di vita con un’ascia nello stomaco, e rottami del suo aereo tutto intorno all’area dello schianto. Ora cosa dobbiamo fare? Dove ci troviamo? Dov’è finito Tommy’s? Questo è il punto forte di The

Forest, un gioco in prima persona sviluppato da Endnight Games Disponibile per PS4 e PC ( Steam 16,79€ ). Si tratta di un gioco horror free roaming, dove il nostro compito sarà proseguire nella storia, con la priorità di mantenere in vita e in salute il nostro Eric. Il nostro personaggio dovrà cacciare per nutrirsi, fabbricare tramite un sistema crafting la propria casa, costruendosi anche delle trappole per difendersi e sopratutto costruire anche delle armi come arco e frecce. Dopo la scena iniziale, mentre perlustriamo l’area attorno a noi, alla ricerca di oggetti e di cibo che sull’aereo ne troviamo abbastanza per riempirci lo stomaco, in lontananza si sentono dei strani suoni che incutono una certa tensione. Sono delle creature cannibali che non avranno nessun problema ad attaccarci. Ecco spiegato il motivo della possibilità di costruirci delle trappole e delle armi. Oltre a risposare e riparaci, la nostra casa fungerà anche da punto di salvataggio. La storia prosegue senza intoppi aggiungendo che non dovete temere il sistema di creazione , in quanto è presente un vero e proprio libro che vi aiuta nella creazione di ciò che vi serve. Oltre a questo il gioco vanta quattro livelli di difficoltà, tra questi, se siete alla prime armi e volete godervi un’avventura solitaria senza uccidere o avere scontri con i cannibali, basta scegliere la modalità chiamata “Pacifico”, questa vi permette di immergervi totalmente nella trama e nel vostro istinto di sopravvivenza senza avere il minimo problema di affrontare delle battaglie. Il punto di forza di The Forest è la totale assenza di tutorial se non quelli basilari e la totale assenza di mappa, se non in alcuni casi per recuperare alcuni oggetti necessari. Tutto questo rende l’esperienza molto eccitante calando il giocatore nella più totale immersività e capacità di sopravvivenza e di esplorazione. Dal punto di vista grafico, il gioco è gradevole, rispetto alle versione in accesso anticipato, abbiamo notato delle migliorie in vari settori, tra cui alcuni bug legati agli scontri. Il sonoro è il punto forte del gioco. Nessuna canzone, solo effetti ambientali ed il respiro affannoso del nostro personaggio in determinate circostanze come la corsa o mentre caccia. Questa ottima scelta permette di calarsi in toto nella trama, anche se delle volte mentre siamo nella foresta, un suono improvviso di un’animale vi farà saltare sulla sedia, specie se giocate in modalità normale. Sia la versione per console che quella per PC non presentano dei problemi sulla giocabilità, come dicevo prima alcuni bug sono stati risolti, ottima invece la longevità che vi permetterà di esplorare ogni angolo di questo misterioso luogo. In conclusione The Forest è stato molti anni in accesso anticipato su Steam, ha potuto correggere diversi bug migliorandosi e aggiungendo   la bellezza di due finali. Insomma siamo davanti a un buon prodotto che mette il giocatore davanti a se stesso e alla propria capacità di sopravvivenza! Vi lasciamo alla nostra video recensione!
Voto: 8

About the Author

Related Posts