Al Photoshow 2009 Epson dà spazio alla creatività con Filastrocche.it

Posted On 20 Mar 2009
Comment: Off

epsonDa Milano – Per rispondere alle esigenze di un pubblico vario e articolato, Epson presenta uno stand suddiviso in aree tematiche in cui spicca la presenza di Filastrocche.it, con l’obiettivo di solleticare la creatività dei visitatori e coinvolgerli nella creazione di biglietti augurali, segnalibri, menù, calendari ed altro ancora. E per chi ha foto rovinate dal tempo c’è una postazione per riportarle alla condizione originale.

Cinisello Balsamo (MI), XX marzo 2009 – Accanto ai prodotti che fanno di Epson una delle aziende di riferimento nel mondo consumer e professionale dell’imaging (stampanti, scanner, carte e inchiostri speciali) nello stand che l’azienda ha allestito al Photoshow 2009 spicca la presenza di Filastrocche.it, il portale dedicato a bambini e adulti che non vogliono dimenticare fantasia e creatività. Questa presenza ha un duplice obbiettivo: offrire nuovi spunti di interesse ai visitatori e permettere loro di mettersi alla prova nell’esecuzione di piccoli lavori creativi come biglietti augurali, segnalibri, menu, calendari ed altro ancora.

Per coinvolgere il visitatore c’è anche una postazione dedicata al restauro fotografico: grazie alle innovative funzionalità del multifunzione Epson Stylus Photo PX800FW è infatti possibile riportare alle condizioni originarie vecchie foto sbiadite o con graffi e piegature. E con lo scanner Epson Perfection V750 Pro la stessa cosa si può effettuare su negativi o diapositive. A questo proposito, per chi non vuol perdere le proprie memorie e per tutti gli appassionati di fotografia, Epson organizza ogni primo giovedì del mese, all’interno della mostra “La città visibile”, presso il Museo Storico di Bergamo, dei corsi gratuiti proprio per insegnare come recuperare le vecchie foto. Per i corsi, aperti a tutti, anche a chi non è esperto di informatica o fotoritocco, è necessario prenotarsi: tel. 035.247116 o [email protected]

About the Author

Related Posts